Alla Scoperta delle Grotte del Caglieron

Da un voto a questo post
Le Grotte del Caglieron sono situate in località Breda di Fregona, in Provincia di Treviso.
Il complesso consta di una serie di cavità, parte delle quali di origine artificiale e parte di origine naturale
Per la parte naturale, si tratta di una profonda forra incisa dal torrente Caglieron su strati alternati di conglomerato calcareo, di arenarie e di marne del Miocene medio (da 16 a 10 milioni di anni fa).
Numerose sono le cascate, alte parecchi metri, con grandi marmitte alla base.
Nella parte più profonda della forra, si notano sulle pareti grandi concrezioni calcaree che chiudono per un tratto e in parte la volta, dando all’insieme l’aspetto di una grotta.
Sulle pareti della forra si aprono delle grandi cavità artificiali, ottenute dall’estrazione dell’arenaria, la tipica “piera dolza” (pietra tenera).
L’attività estrattiva, che risale al 1500 e forse anche prima, forniva il materiale per la costruzione di stipiti, architravi, ecc., che si possono ancora osservare sulle vecchie case e i palazzi di Vittorio Veneto e dintorni.
Interessante il metodo di estrazione praticato: essendo gli strati inclinati anche oltre i 45°, il distacco del materiale, provocato utilizzando grossi scalpelli che hanno lasciato segni ancora visibili, avveniva a blocchi, con l’avvertenza però di lasciare delle colonne inclinate a sostegno della volta.
Ne è derivato così un insieme di suggestive cavità artificiali, distribuite lungo l’orrido, sul cui fondo scorre vorticoso e rumoroso il torrente, tanto da portare alla costruzione di un percorso attrezzato.
Attualmente il complesso delle Grotte è interessato dai lavori di realizzazione del Parco delle Grotte del Caglieron, in buona parte completati.
L’inizio del percorso, lungo circa 1 km, è situato in via Ronzon, poco dopo il costruendo Centro Visite; tramite una passerella pedonale che attraversa il torrente Caglieron, si scende su di un largo sentiero, passando sotto al ponte della strada Provinciale.
Lungo il percorso si incontrano numerosi pannelli descrittivi e, sulla destra, si apre una grotta molto ampia (grotta dei Breda), caratterizzata dalle colonne inclinate che sostengono gli strati di arenaria formanti il soffitto. Poco più avanti, sulla sinistra, una passerella in legno conduce alla grotta per l’affinamento del formaggio di grotta (grotta di San Lucio) del caseificio Agricansiglio. 
Ritornando appena sui propri passi, si incontra un belvedere a forma di prua, dal quale si può ammirare la splendida forra naturale e, proseguendo, percorrerla su passerelle a tratti sospese.
Dato il notevole contenuto in calcare delle acque, si ha la sua ri-deposizione con formazioni di ampie superfici concrezionate, stalattiti e stalagmiti, delle più varie forme e colori.
Nelle zone più illuminate è notevole la presenza di travertino, con alternanza di muschi ed altri residui vegetali.
All’interno delle cavità artificiali, ci sono alcuni tratti di cunicoli esplorabili dagli speleologi.
Data la costanza della temperatura nelle parti più profonde delle grotte, e la progressiva diminuzione della luce, si possono osservare una serie di microambienti di notevole interesse botanico e zoologico.
Al termine del percorso nella forra, il sentiero attrezzato ci conduce ad un antico mulino (ristorante) e, seguendo le segnalazioni in loco, si procede risalendo verso la parte terminale del parco.
Lungo il sentiero, dapprima ripido e poi pianeggiante, incontriamo sulla destra due piccole case ristrutturate, destinate a diventare Museo dello Scalpellino, a memoria dell’antico mestiere.
Il percorso si conclude uscendo direttamente sulla Provinciale 151, quasi difronte ad una grotta (grotta di Santa Barbara), in precedenza utilizzata come fungaia e ora in sistemazione per l’utilizzo futuro come laboratorio didattico.
In realtà quelle qui visitabili sono solo una parte delle cavità esistenti; altre “grotte” analoghe sono scaglionate per tutta la parte alta del territorio, fino al Masarè sopra borgo Ciser.
Una di queste, passato il ponte sulla provinciale, è stata dedicata dalla devozione degli abitanti alla Madonna. Le Grotte del Caglieron, apprezzate sia in estate per la frescura che in inverno per le stupende cascate di ghiacci, sono punto di riferimento per laboratori di educazione ambientale e meta ogni anno di migliaia di visitatori.
Grotte del Caglieron Opera della natura e dell’uomo tutta da riscoprire!
È disponibile presso la Pro Loco di Fregona, la pubblicazione “Sentiero geologico Grotte del Caglieron” coordinato da Antonio Galgaro, Paolo Mietto e Nereo Preto del dipartimento di Geoscienze dell’Università degli Studi di Padova.
L’ingresso è gratuito; Il percorso delle Grotte è sempre percorribile, dall’alba al tramonto.
Le Grotte non sono percorribili con i passeggini.
All’interno dell’area sono ammessi i cani al guinzaglio.
Si consiglia nel tratto sulle passerelle in legno, essendo fatte con tronchetti naturali, di prestare attenzione in quanto sdrucciolevoli e irregolari. In particolare possono essere insidiose per i piedini dei bambini e le zampette degli animali.
Le Grotte del Caglieron si possono raggiungere anche a piedi, parcheggiando in piazza Maronese (vicino al Cimitero) e percorrendo il sentiero 1037B, Sentiero Pont de Fer (45 min.) 
É possibile ritirare il pieghevole del percorso Grotte anche presso la bacheca della nostra sede di via Marconi 6 (100 mt. dal municipio a dx), oppure scaricarlo al seguente link.
Per ulteriori informazioni sulle Grotte del Caglieron e sul nostro territorio potete venire a trovarci al nostro ufficio turistico ai seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 11.00 alle 13.00 prefestivi e festivi dalle 9.00 alle 12.00.
Potete contattarci telefonicamente ai seguenti numeri: ufficio turistico +39 0438 585487 mobile +39 337 517218 / +39 349 415 3580 Oppure scriveteci un’email all’indirizzo: info@prolocofregona.it
[social_buttons nectar_love="true" facebook="true" twitter="true" pinterest="true" linkedin="true" style="default"]
Lascia un commento