Skip to main content

Affacciato sul lago più importante del Trentino, ovvero il lago di Garda, Arco di Trento è una cittadina che a lungo è stata famosa come “città di cura”. Il suo clima e la ricca vegetazione, infatti, la rendevano un luogo ideale per coloro che avevano bisogno di un ambiente salubre per star meglio.

Oggi, Arco di Trento si rivela essere molto altro. Si tratta infatti di un borgo che, quasi “arrampicato” sulla roccia stessa da esso sormontata, invita i più appassionati di rock climbing a visitarla. Tant’è che ogni anno da tutto il mondo arrivano gli atleti più abili nell’arrampicata su roccia per contendersi il titolo di Rock Master. Per chi, invece, preferisse altre attività, oltre alle visite culturali qui ci si può dedicare anche al trekking e la mountain bike lungo i sentieri della zona.

Cosa vedere ad Arco di Trento

Oggi Arco è un piccolo borgo medievale facilmente visitabile nel corso di qualche ora. Nel corso della visita si potranno vedere una parte più nuova ed una più antica. Partendo dalla prima, quindi, potrete vedere una serie di palazzi storici affacciati sulla piazza principale, Piazza III Novembre, in cui si trova una fontana barocca. Tra questi edifici ci sono la Collegiata dell’Assunta (rinascimentale e ricco d’opere d’arte) e palazzo Marchetti, tutto affrescato sulla facciata e, percio, facilmente riconoscibile.

Veduta da Arco di Trento del castello arroccato

Veduta da Arco di Trento del castello arroccato

Dietro la chiesa, invece, ci si muove verso l’antico casinò, ovvero un edificio di costruzione ottocentesca in cui i visitatori internazionali di Arco solevano svagarsi. Se si visita Arco nel periodo di Natale, invece, proprio nel piazzale dietro la chiesa si troverà un mercatino tradizionale tra i più famosi in Trentino.

Se, invece, si desidera fin da subito visitare l’antico borgo, sempre partendo da piazza III Novembre si potrà prendere via Stranfora. Questa è una via che guida il visitatore alla scoperta delle case arroccate sotto il Castello, tutte inserite all’interno di una fitta serie di stradine strette. Attraverso le viuzze del borgo antico, poi, ci si potrà spostare verso il castello della città, la sua principale attrazione.

Il castello di Arco Trentino, il Medioevo sul lago di Garda

La salita per il castello di Arco di Trento è senza dubbio una di quelle passeggiate un po’ pesanti, ma che rendono felici. All’arrivo, infatti, la vista sul lago di Garda, la piana e le case tradizionali di Arco ripaga ogni sforzo, anche quello di chi è un po’ meno allenato.

La fortificazione è di origine medievale, ma nel corso dei secoli è stata più volte rivisitata. La sua storia, come quella di tanti edifici di questo tipo, è stata ricca di vicissitudini di vario genere, che hanno segnato le dinamiche di potere del borgo così come la storia dei suoi abitanti.


 


Quel che resta di questi pezzi di storia vissuti lungo le sue mura sono scale e torri in rovina, corridoi e passaggi. Ma soprattutto affreschi in stile gotico di discreta bellezza. Ma anche tanti ricordi attraverso quadri di grandi artisti come Albrecht Dürer, che lo dipinse nella sua “Le Val D’Arco – Fenediger Klausen”, oggi al Louvre di Parigi. Oggi il castello è visitabile tutto l’anno da chiunque, grandi e piccini, in cambio di un piccolo contributo per il suo mantenimento.

Una storia di benessere nei borghi del lago di Garda

Scegliere di fare dei veri e propri percorsi all’insegna del benessere può essere una scelta fantastica nei borghi del lago di Garda. D’altronde, già molti scelgono proprio questo bacino d’acqua come luogo dove svolgere attività di relax come può essere l’innovativo SUP Yoga.

Il lago di Garda contribuisce alla peculiare mitezza del clima di Arco di Trento

Il lago di Garda contribuisce alla peculiare mitezza del clima di Arco di Trento

Arco di Trento, però, ha qualcosa di più. Nell’Ottocento, infatti, Arco veniva vista come una delle cosiddette “città di cura”, un vero e proprio mito della popolazione mitteleuropea che cercava luoghi di questo genere per rinfrancarsi nel corso delle proprie villeggiature. Tant’è che diversi dei palazzi oggi presenti nella cittadina nascono proprio dall’interesse dei ricchi di allora, che volevano avere la casa vacanze proprio ad Arco Trentino. Questo è anche grazie al fatto che vi è una vegetazione particolare, in quanto vi è un’olivaia nell’area ad ovest dellac ittà, ma anche per la protezione delle montagne che la attorniano. Infine, chiaramente, per la sua prossimità al lago di Garda.

Arco di Trento, un viaggio in compagnia

Se tutte le opportunità offerte da Arco di Trento non vi hanno convinti, allora, c’è ancora un asso nella manica che possiamo mostrarvi. Grazie a Meeters, da oggi potrai visitare tantissimi borghi italiani in compagnia di persone nuove, interessate alla scoperta come te. Ma non solo: ogni settimana troverai le attività sportive e i momenti di benessere più adatti a te.