Skip to main content
5/5 - (1 vote)

Per evitare di trasformare la propria escursione sulla neve in un brutto ricordo è necessario avere attrezzatura per trekking invernale, ne più ne meno.
Chiunque abbia esperienza con la neve ben lo sa: non c’è amico migliore dell’equipaggiamento giusto che non fa sentire il freddo e che rende la neve sicura come il terreno normale.

Ci sono molti capi che possono cambiare in positivo o in negativo l’esperienza di una persona alle prese con la natura d’inverno.
Non essendoci una regola precisa per l’ escursionismo è però importante sapere come muoversi all’interno di tutto quell’universo di prodotti, accessori, indumenti e così via.

L’ inverno non perdona ma per fortuna ci siamo noi di Meeters a darvi una mano; la nostra esperienza pregressa nel mondo degli eventi ci ha aiutato a scoprire quali sono tutte le cose più importanti da tenere sotto controllo. Quando si parla di stringere nuove amicizie siamo sempre in prima linea con i nostri consigli e le nostre indicazioni.

Perché è importante dotarsi di attrezzatura invernale per il trekking?

montagna escursioni stagione abbigliamento meglio casa potenza trekker contatto tazza ramponcini

Ecco un perfetto esempio di abbigliamenti sbagliato per lunghi trekking invernali

 

Partiamo subito con il parlare di una cosa estremamente importante: con il freddo non si scherza. Dotarsi di attrezzatura invernale e abbigliamento consono a esplorare le fredde vette delle montagne o anche soltanto una caletta un po’ selvaggia del mare d’inverno è necessario per evitare di farsi male o ammalarsi.

Il freddo e le condizioni come neve, ghiaccio o le basse temperature hanno la triste capacità di poter rendere pericolosi anche i percorsi che nelle altre stagioni si possono affrontare a occhi chiusi. Essere preparati fisicamente, in questi casi, conta anche nell’avere con sé la giusta attrezzatura per potersi muovere sulla neve o sul ghiaccio.

 



 

Quindi non soltanto parliamo di capi per affrontare il freddo e il gelo ma anche di accessori come racchette, ciaspole, ramponi e scarponi chiodati; il tutto magari contornato da un bello zaino impermeabile per tenere qualche vestito di ricambio e qualche indumento extra per migliorare ancora di più gli strati della nostra cipolla in caso di aumento o diminuzione delle temperature.

Qualche esempio di attrezzatura invernale da trekking

meglio maglia giacca cibo cotone naso parte caldo pace calze commercio mente maglietta vento

Vediamo insieme quali sono alcuni esempi di attrezzatura invernale da trekking:

  • Abbigliamento adeguato: giacche impermeabili, cappelli, guanti, sciarpe, magari iterati per diversi strati così da riuscire ad avere il necessario per regolare la temperatura del corpo.
  • Ramponi (se si va sul ghiaccio): necessari per poter avere una presa sicura sulle superfici ghiacciate.
  • Bastoncini da trekking: importanti per distribuire il peso della camminata e del trekking su tutte le giunture del corpo, evitando di sovraccaricare le ginocchia.
  • Scarpe: impermeabili, felpate, con fondo realizzato appositamente per neve e/o fango così da rendere la camminata gradevole.
  • Occhiali da sole/ sci: permettono di evitare il whiteout che capita a chi si trova per troppo tempo immerso all’interno di un ambiente naturale a elevata prevalenza di bianco.
  • Crema solare / protezione dal sole: per evitare scottature e bruciature dovuta alla presenza di raggi solari che rimbalzano sulla neve

In base al tipo di escursione poi ci sono delle differenze che vanno tenute in conto: se si va in alta montagna e si sta fuori più di un giorno è necessario portarsi attrezzature per la neve, sistemi anti valanga come le sonde, radio per comunicazioni di emergenza, telefoni satellitari e chi più ne ha più ne metta. L’escursionismo non è tutto indumenti e camminare ma è anche fare attenzione alle cose che possono mettere in pericolo la nostra pelle ed i nostri piedi.

Base layer, mid layer e shell: cosa significano questi termini

articolo modelli lana difficoltà pantaloni camminate parti del corpo calze modo zone tessuto seconda benessere ricerca situazioni

Basta cercare informazioni una volta sul trekking invernale per imbattersi in termini come base layer, mid layer, softshell, hardshell, fleece e così via.
Questi termini indicano le parti in cui è diviso un abbigliamento a strati (mai sentito dire vestirsi a cipolla?) adatto per il trekking invernale.

Andiamo a vedere un po’ più da vicino quello di cui stiamo parlando, così da essere preparati ad un eventuale viaggio in Islanda.

Che cos’è il base layer

Il base layer dell’abbigliamento a strati ha un compito preciso: spostare lontano dal corpo il sudore che viene prodotto durante l’attività fisica, spingendolo per come possibile verso gli strati successivi. L’elemento più importante di questo strato, quindi, è la sua capacità traspirante e pertanto è bene fare acquisti mirati in tal senso.

Un buon base layer riesce a disperdere umidità e calore in eccesso, lasciando il corpo dell’escursionista in condizioni ottimali per il movimento fisico.

Che cos’è il mid layer

Il mid layer è l’intermediario tra la nostra pelle e lo strato più esterno dell’abbigliamento e solitamente viene gestito in maniera semplice: pile, tanto pile e della giusta qualità. Il pile è un materiale che sicuramente conoscete già ma che, grazie alle sue caratteristiche, riesce nel difficile compito di tenerci al calduccio anche nei momenti più complessi di una traversata.

Il pile è leggero, non pesando molto sulla camminata, è traspirante e idrofugo, permettendo l’evasione del sudore verso gli strati più superficiali dell’abbigliamento. Un motivo molto importante per dotarsi di pile che però non viene detto spesso è la sua velocità in asciugatura: questo permette di ottimizzare i tempi di eventuale pause.

Cosa sono hardshell e softshell

L’ultimo strato protettivo merita un discorso leggermente più approfondito poiché, dal punto di vista pratico, esistono due soluzioni differenti.

Hardshell e softshell infatti sono due modi di scegliere gli indumenti per lo strato più esterno del proprio vestiario. Con il termine softshell si intendono gusci protettivi morbidi e confortevoli, caratterizzati da una vestibilità gentile con cui seguono i movimenti del trekker proteggendolo nel contempo dal freddo.

Gli indumenti hardshell, invece, sono tutti quei giubbotti contro i freddi più estremi che però risultano essere più scomodi da vestire, in favore di performance d’isolamento termico migliori. Questo genere d’indumenti sono il top per impermeabilità, traspirazione e leggerezza ma possono risultare scomodi da indossare per alcuni.

Lascia un commento