Skip to main content

Per le persone introverse a volte non è facile fare amicizia immediatemente, con la stessa facilità e spontaneità degli estroversi.

Alcuni di noi sono più “lupi solitari” che animali sociali, e nei contesti in cui ci sono tante nuove persone non sanno cosa dire.

Ecco allora alcuni consigli raccolti in una breve ed essenziale guida per scoprire come socializzare:

come-socializzareSmall talk!

Le chiacchiere spicciole, quelle sul tempo atmosferico o su cose leggere e poco impegnative. Fare quattro chiacchiere non significa necessariamente rimanere bloccati lì.

Le chiacchiere hanno uno scopo: due estranei hanno bisogno di “scaldarsi” e parlare di qualcosa mentre si abituano l’uno all’altro. L’argomento non è così importante e quindi non deve essere così interessante. Dobbiamo solo dire qualcosa, e in realtà è meglio se è quotidiano e banale perché così si toglie la pressione di dire cose intelligenti.

Ciò che è importante è mostrare che siete amichevoli e accessibile. Questo fa sì che le persone si sentano a proprio agio con voi.
Se volete conoscere le persone, insomma, dovete prima fare due chiacchiere con loro. Non si può certo iniziare subito con “Qual è lo scopo della tua vita?”, no?

Paura di sembrare noiosi? Questo accade solo se ci si fossilizza nelle chiacchiere. Ma fare qualche minuto di chiacchiere banali non è noioso. È normale e fa sentire le persone a proprio agio con voi.

Se vogliamo imparare come socializzare, è necessario mettersi in gioco con il cosiddetto small talk. Avete provato a scambiare due chiacchiere in ufficio?

come-socializzareSiate presenti

La filosofia del qui e ora: invece di stare nella vostra testa pensando a cosa dire dopo o a cosa la gente potrebbe pensare di voi, concentrati sulla conversazione e su ciò che vi circonda. Prestate attenzione agli altri e all’ambiente intorno a voi.

Se cominciano ad affiorare pensieri, come “La mia postura è strana?” o “Non gli piacerò!”, sforzatevi di scegliere consapevolmente di concentrarvi su ciò che vi circonda o sulla conversazione. Quando lo farete, diventerete meno consapevoli e meno preoccupati di voi stessi: più ci si concentra su una conversazione, più è facile renderla intrigante, dimenticandosi per un po’ dei pensieri negativi.

Questo è ciò che serve per capire come socializzare con maggiore scioltezza.

Capite di cosa sono appassionate le persone

Le persone ci vedranno come interessanti se pensano che parlare con noi sia interessante. Pensate meno a quello che si può dire per sembrare interessante, e più a come potete rendere la conversazione interessante per entrambi.

In altre parole, gravitate verso le passioni e gli interessi. Chiedete alla persona davanti a voi cosa gli piace di più del suo lavoro, o cosa gli piace fare quando non lavora. Se menzionano qualcosa di sfuggita che sembra essere interessante per loro, chiedete di più su questo. “Hai parlato di un concerto, chi hai detto che suonava?”

Fate domande di follow-up

Spesso riceverete risposte brevi alla vostra prima domanda. Questo è normale.

Le persone spesso rispondono solo brevemente alla vostra prima domanda, perché non sanno se lo state chiedendo solo per essere educati. Per mostrare invece che volete davvero parlare di qualcosa, fate una domanda di follow-up, come “Cosa fai più specificamente di lavoro? Vai spesso ai festival?”
Questo dimostra che il vostro interesse è sincero e le persone avranno il coraggio di andare più a fondo nel parlare di ciò che li appassiona.

come-socializzareCondividete

Non si tratta solo di fare domande, anche perché potreste apparire come un interrogatore.

Per socializzare, condividete informazioni su di voi. Mostrate che siete persone reali. È scomodo per gli estranei aprirsi su se stessi senza sapere nulla di voi. Non è vero che la gente vuole parlare SOLO di se stessa. Sono le conversazioni in cui entrambi sono coinvolti che fanno legare le persone.

Se non vi viene in mente qualcosa a cui riferirvi, va bene. Non bisogna sentirsi o mettersi sotto pressione. Basta prendere l’abitudine di condividere qualcosa ogni tanto, in modo che gradualmente gli altri vi conoscano meglio.

Poi, dopo aver detto la vostra su di voi, potete porre all’altro una domanda correlata, o loro potrebbero chiedervi qualcosa su quello che avete appena detto.

come-socializzareMolte piccole interazioni

Il pensiero di una conversazione lunga e magari profonda vi mette a disagio? Fate piccole interazioni non appena ne avete la possibilità: sull’autobus, al supermercato, con un cameriere che vi sta servendo. Questo renderà col tempo il parlare con le persone meno spaventoso.

Più facciamo qualcosa, meno ci fa paura.

Non liquidate le persone troppo presto

Durante le chiacchiere, tutti sembrano superficiali. È solo quando avrete chiesto gli interessi di qualcuno che saprete se avete qualcosa in comune.

Prima di scrivere a qualcuno, potete vederla come una piccola missione per scoprire a cosa è interessato.

Il linguaggio del corpo

Quando siamo nervosi, è facile che ci si irrigidisca. Questo ci fa interrompere il contatto visivo e tendere i muscoli facciali. Le persone non capiranno che siamo nervosi – potrebbero solo pensare che non vogliamo parlare.

Un buon esercizio è provare ogni volta che si può a mantenere un contatto visivo maggiore di quello a cui siamo abituati (con il cassiere al supermercato, con l’autista dell’autobus, ecc.)
Sorridete quando salutate le persone. Se vi accorgete di essere tesi, rilassate i muscoli del viso in modo da sembrare più avvicinabili. Potete pure provare allo specchio.

Non c’è bisogno di sorridere sempre. Ma sorridete ogni volta che stringete la mano a qualcuno o quando qualcuno dice qualcosa di divertente.

Non rimuginate

Se vi preoccupate che la gente vi giudichi, potrebbe essere che in realtà siete voi a giudicare voi stessi.
Spesso ci preoccupiamo eccessivamente di sembrare stupidi o strani. Ma quando sembra che gli altri ci giudichino, spesso in realtà siamo noi a giudicare noi stessi.

Qual è il modo migliore per smettere di giudicarci? Parlare a noi stessi come faremmo con un buon amico.

Spesso pensiamo di dover agire in modo impeccabile. Crediamo di dover essere perfetti perché la gente ci apprezzi e impeccabili perché la gente non rida di noi. In realtà, commettere errori ci rende umani e relazionabili. Quindi più simpatici!

Accettiamo che piccoli errori ci rendono persone, come tutti, e proviamo dunque a rompere il ghiaccio e buttarci un po’ di più nei contesti sociali per imparare sul campo come socializzare. Ne varrà sicuramente la pena.