Cosa fare a Istanbul in due giorni

5/5 - (1 vote)

“Se a un uomo venisse concessa la possibilità di un unico sguardo sul mondo, è Istanbul che dovrebbe guardare”. Così, quasi due secoli fa, il poeta francese Alphonse de Lamartine racchiuse in un’unica frase lo spirito della città turca. E ad oggi non si può certo dire che le cose siano cambiate. Se vi state chiedendo cosa fare a Istanbul, beh sappiate che il vostro viaggio sarà ricco di soprese e sospeso tra passato e futuro.

Istanbul è infatti una delle città più importanti al mondo, culla di arti, crocevia di popoli, culture e religioni, con alle spalle un passato degno di nota. Un tempo era conosciuta sotto il nome di Costantinopoli prima e di Bisanzio dopo. È stata capitale di tre imperi, quello romano, quello bizantino e quello ottomano, aiutando a plasmare dai suoi palazzi la storia dell’umanità.

Oggi Istanbul si sta trasformando sempre più in una megalopoli tra le più popolose al mondo, acquistando ancora una volta un ruolo chiave nella politica mondiale. Ma nonostante ciò, non ha mai perso la sua vera anima fatta di tradizioni e scambi.

Un po’ Europa, un po’ Asia, Istanbul è una città in cui ritrovare le tracce di casa e allo stesso tempo lasciarsi trasportare da nuovi stimoli, nuove atmosfere e suggestioni. Iniziamo quindi il nostro viaggio nella città dei desideri del mondo alla scoperta delle sue meraviglie!

Basilica di Santa Sofia

cosa fare a istanbul

Il nostro viaggio tra le cose da vedere a Istanbul in Turchia inizia dal quartiere di Sultanahmet, centro storico e cuore pulsante della vecchia Costantinopoli. La penisola, stretta tra il Mar di Marmara, il Bosforo e il Corno d’Oro, è il nucleo fondante della città, ricco di monumenti di straordinario interesse artistico e umano. Sultanahmet può anche essere visitato a piedi con la giusta organizzazione, oppure può essere scoperto sfruttando il trasporto pubblico e i nostalgici tram rossi.

La Basilica di Santa Sofia, o Aya Sofya, è una delle costruzioni religiose più maestose mai realizzate. Fortemente voluta da Giustiniano, i lavori della basilica cristiana iniziarono nel 532. Poco meno di un secolo dopo la struttura venne convertita in moschea con la conquista di Costantinopoli da parte dell’impero ottomano. Dal 1935 però Santa Sofia non è più un luogo di culto, ma un vero e proprio museo carico di fascino.

Per quanto gigantesca, la Basilica all’esterno può sembrare eccessivamente austera, quasi militaresca, con i suoi mattoni e le forme perfettamente geometriche. L’interno lascia però senza fiato. Il visitatore è accolto da un tripudio di marmi policromi e materiali preziosi. L’immensa cupola di 831 metri di diametro dà grande respiro all’intero complesso e vi lascerà con il naso sospeso in aria per parecchio tempo!

All’interno della basilica potrete ammirare addirittura delle colonne provenienti da templi egizi, oltre agli scintillanti mosaici distintivi dell’epoca bizantina, all’arte calligrafica ottomana e alle splendide tombe imperiali.

Moschea Blu

cosa fare a istanbul

A pochi passi di distanza dalla Basilica di Santa Sofia, troviamo il secondo edificio religioso più importante di Istanbul, la Moschea Blu o Sultanahmet Camii. La costruzione di questa moschea inizio intorno al 1609 su decisione del sultano Ahmet I che incaricò l’architetto Mehmet Aÿa di realizzare un’opera più maestosa e stupefacente di Santa Sofia.

L’idea era quella di dare al popolo qualcosa di così bello da dimenticare le difficoltà politiche e militari che l’impero stava affrontando. Per riuscirci il sultano pescò a piene mani dalle finanze pubbliche e decise davvero di esagerare, commissionando ben sei minareti, come quelli ammirabili a La Mecca.

Il risultato è a dir poco d’effetto. Tutto l’edificio è estremamente armonico, anche all’esterno. L’interno della Moschea Blu è invece un gioco di forme aggraziate, con la grande cupola che domina il centro della struttura, circondata da altre quattro semi cupole. Ma la vera attrattiva sono le ventimila piastrelle in ceramica Iznik dove il blu, il verde e il turchese creano suggestivi giochi di luce con le 260 finestrelle aperte sulla cupola, spettacoli unici e diversi a tutte le ore del giorno.

Palazzo Topkapi