Skip to main content

Con una superficie di 370 chilometri quadrati, il Lago di Garda è il lago più grande del nostro paese. Le sue acque toccano infatti ben tre regioni del nord Italia, la Lombardia, il Veneto e il Trentino Alto Adige, offrendo così una varietà sconfinata di paesaggi e luoghi diversi tra loro. Dalle Alpi alla Pianura Padana, passando per isole e borghi da favola con castelli medievali a picco sull’acqua.

Il Garda è una metà perfetta per viaggi e weekend fuori porta tutto l’anno, anche d’inverno grazie ad un clima mite che non fa mai ghiacciare le acque e consente le escursioni anche nei mesi più freddi. Con così tanta scelta è difficile decidere cosa vedere al lago di Garda, quindi vediamo insieme quali sono le destinazioni più suggestive!

Garda Trentino: Riva del Garda e i suoi segreti

Cosa vedere al lago di garda Limone

Il nostro viaggio lungo le sponde del Garda parte dal nord, dove il lago si restringe in una forma più allungata, circondata da montagne. Il Garda Trentino è amato soprattutto per i numerosi sentieri naturalistici, privilegiati dagli amanti del trekking.

Riva del Garda è la prima tappa, un borgo abbracciato dal monte Rocchetta, abitato sin dall’epoca romana. Una passeggiata tra il lungolago e il centro storico per ammirare la Torre Apponale e il Palazzo Pretorio, non può non essere seguita da un’escursione nella natura. Nei pressi della cittadina infatti si dipano due degli itinerari più amati dagli escursionisti per l’alto livello di adrenalina. Il primo è il Sentiero del Ponale, una strada in pendenza a picco sul lago; il secondo è il sentiero Busatte-Tempesta, una salita lungo delle scalette mozzafiato.

Il territorio di Riva del Garda è poi ricco di acque e soprattutto di cascate. Tra queste la più conosciuta è la Cascata del Varone, alta quasi mille metri, racchiusa in una forra naturale erosa dalle acque e che si può percorrere grazie a ei camminamenti. Un’altra cascata che si può seguire a ritroso fino alla cima è quella di Sajant, grazie ad una via ferrata su cui ci si può arrampicare, assistiti da una guida esperta.

Rimanendo sul fronte naturalistico, una bellissima escursione è anche quella che dal Garda vi porterà al vicino Lago di Ledro e alle sue palafitte, oggi divenute Patrimonio dell’Unesco.

Da Riva del Garda si può poi comodamente raggiungere anche la cittadina di Nago-Torbole, ai piedi del Monte Altissimo di Nago. Un altro luogo quindi dove lago e montagna si confondono e che, non a caso, attira tantissimi appassionati di sport, dalle arrampicate al surf. Chi capita qui, non può non visitare le Marmitte dei Giganti, dei pozzi giganteschi scavati nella roccia per migliaia di anni dell’erosione dell’acqua. Quelle di Torbole sono uniche nel loro genere perché larghe quasi cinque metri e profonde dodici!

Trekking sul Monte Baldo

Cosa vedere al lago di Garda Torbole

Terza tappa tra i borghi da vedere sul lago di Garda è Canale di Trenno, un luogo che sembra quasi il set di un film d’animazione Disney. Il borgo mantiene l’impianto urbanistico originale e medievale, con le casette di pietra, ricche di ballatoi e affreschi, collegate l’una all’altra da avvolti. Dal borgo si può poi raggiungere a piedi il lago di Trenno, uno splendido specchio d’acqua dal caratteristico color turchese.

Infine, tra Trentino Alto Adige e Veneto si innalza per 2218 metri il Monte Baldo, luogo di ritrovo degli amanti del trekking e della natura anche e soprattutto in inverno. La sua cima innevata che si riflette sulla superficie immobile del lago è una vista irrinunciabile per quanti si trovano nei dintorni. Per raggiungere il Monte Baldo ci sono tantissimi sentieri, di durata e difficoltà diverse. Uno dei percorsi più suggestivi è quello che conduce al santuario della Madonna della Corona, scavato proprio su un fianco del monte. Servono due ore di camminata in salita, lungo anche 1500 gradini, ma ne vale sicuramente la pena!

I borghi da vedere sul lago di Garda lombardo

Cosa vedere al lago di Garda Sirmione

L’itinerario lungo il Garda lombardo tocca alcuni dei borghi più belli e suggestivi del nostro paese. In una gita di una sola giornata la tappa d’obbligo è la visita a Sirmione, una delle location più affascinanti di tutto il lago. Il borgo, nella provincia di Brescia, sorge su una penisola che si allunga nelle acque del Garda, e ospita uno dei castelli meglio conservati in Italia: il Castello Scaligero. Costruito intorno al 1250 è interamente visitabile e sembra sorgere dalle acque stesse, non a caso si accede tramite un ponte levatoio. Questa però non è l’unica testimonianza del passato, infatti un altro luogo imperdibile sono le Grotte di Catullo, una villa di epoca romana circondata da ulivi, che si dice appartenesse appunto al celebre poeta. Sirmione è infine la meta ideale per chi cerca un weekend di relax, grazie alle sue sorgenti termali.

Affacciata su un golfo chiuso tra Sirmione e il Monte Corno, Desenzano del Garda è la cittadina più grande che sorge sulle rive del lago. Una vera e propria cartolina vivente in cui perdersi. Il porto vecchio, la Villa Romana e il Castello Medievale sono solo alcune delle cose che meritano di essere visitate a Desenzano. E se siete alla ricerca di un po’ d’arte, non mancate le soste al Museo Archeologico e al Duomo di Santa Maria Maddalena, dove è conservato L’ultima Cena di Giambattista Tiepolo.

Come avrete capito, questa zona è ricca di castelli e se state pensando ad un tour a tema non potete mancare le rovine dell’antico castello di San Felice del Benaco e la splendida rocca in cima alla riserva naturale di Manerba del Garda.

Agrumi e poesie

Al confine tra Lombardia e Trentino Alto Adige sorge un altro dei borghi più amati sul lago: Limone sul Garda. Non soltanto è una cittadina caratteristica per il suo lungolago e per le casette colorate, ma anche per le sue limonaie. Il luogo è infatti un centro conosciuto per la produzione di agrumi, grazie al clima mite che vige qui tutto l’anno. Limoni, mandarini, cedri e chinotti sono coltivati lungo terrazze alte, disposte l’una sopra l’altra, dei veri e propri musei storici a cielo aperto e che sono visitabili dal pubblico.

stili di vita sostenbili

Per una piccola sosta culturale, infine, ci si può fermare a Gardone Riviera. Il luogo ospita infatti il Vittoriale degli Italiani, commissionato all’architetto Giancarlo Maroni dal poeta Gabriele d’Annunzio. Un complesso di opere, edifici, piazze, giardini e un anfiteatro, in cui il poeta è sepolto e con cui voleva celebrare le sue imprese militari e letterarie, insieme a quelle di tutti i soldati italiani. Tappa altrettanto affascinante sono i Giardini Botanici Hruska, fondati nel 1903 dal dentista e botanico austriaco Arthur Hruska. Una foresta che ospita una grande varietà di piante provenienti da tutto il mondo, tra cascate e ruscelli, insieme alle sculture di Mimmo Palladino, Roy Lichtenstein e Keith Haring tra gli altri.

Da Gardone Riviera parte poi il battello per arrivare alla più grande delle cinque isole del lago, l’Isola del Garda. Un tempo rifugio di pirati, poi luogo di culto grazie all’eremo di San Francesco d’Assisi, oggi è proprietà della famiglia Cavazza, che l’ha aperta al pubblico per la visita dei giardini e della meravigliosa villa in stile neogotico.

Non solo Peschiera del Garda: isole e castelli in Veneto

Cosa vedere al lago di Garda Punta San Vigilio

Tra isole, montagna e opere create dall’uomo, la lista di cose da vedere sul lago di Garda in Vento rischia di essere lunghissima. Un ottimo punto di partenza è Malcesine, il punto più a nord del Garda veneto. Un borgo che appare quasi inespugnabile, protetto alle spalle dal Monte Baldo e dall’alto dal Castello Scaligero, una fortezza che si dice abbia messo nei guai Goethe in persona. Attratto dalla bellezza della rocca, infatti, era rimasto seduto per ore a disegnarlo sul taccuino, venendo così scambiato per una spia straniera e arrestato.

Da Malcesine si parte poi per visitare le tre isole di questa sponda: l’Isola degli Olivi, l’Isola del Sogno, e l’Isola del Trimelone.

Un’altra località suggestiva è Punta San Vigilio, denominata anche “la Portofino del Benaco”, nel comune di Garda. Questo è infatti un luogo magico, con alcune delle spiagge più belle dell’intero lago, come la Baia delle Sirene. Da non perdere anche la meravigliosa Villa Guarienti-Brenzone.

Un gioiello, che collega la sponda veneta a quella bresciana è Torri del Benaco. Anche qui si erge un Castello Scaligero, uno dei tanti, ma non per questo meno meritevole di una visita. Le sue alte torri ospitano anche un museo etnografico e sono uno dei luoghi più belli da cui ammirare il lago dall’alto. Un’altra torre da visitare è senz’altro la Torre dell’Orologio, che un tempo aveva una funzione puramente militare. Da qui chi non ha paura delle altezze potrà raggiungere poi la vicina località di Crero, dove si trova il Ponte Tibetano di Pai, una struttura in acciaio con griglie antiscivolo sospesa a 45 metri d’altezza

Continuando nel tour tra i borghi più belli del Garda, uno dei più noti è Peschiera del Garda e non a caso. Un compendio di storia a cielo aperto, porta ancora oggi le tracce del passato romano, veneziano e austro-ungarico, e ospita due siti Patrimonio dell’Unesco, la Fortezza di Peschiera e le Palafitte del lago di Frassino, a due km dal centro.

Divertimento per tutti

Cosa vedere sul lago di Garda Valeggio sul Mincio

Infine, in provincia di Verona si trovano tantissimi parchi di divertimento e a tema, perfetti per le famiglie non solo. Gardaland (nel comune di Castelnuovo del Garda) è il parco divertimento più grande d’Italia, con tantissime attrazioni e montagne russe per tutti i gusti. Potete trovare poi Movieland, dedicato al cinema e il parco acquatico Caneva. Sul fronte naturalistico spicca il Parco Natura Viva a Bussolengo, un giardino zoologico che tutela, conserva e cura oltre 200 specie di animali provenienti da tutto il globo; ma anche il Parco Giardino Sigurtà a Valeggio sul Mincio che ospita fiori di ogni genere, alberi secolari e uno splendido eremo.

Se quest’itinerario ti ha aiutato nel decidere cosa vedere al lago di Garda, dai un’occhiata alle nostre gite organizzate, itinerari per il weekend ed eventi di tutti i tipi.