Skip to main content

Le cime innevate, i sentieri bianchi e la pace dei sensi. Questi sono soltanto alcuni dei motivi per cui in tanti italiani decidono ogni anno di andare a ciaspolare in mezzo alla natura imbiancata dalla neve. Che si sia esperti o meno, fare una passeggiata sulla neve può essere un’esperienza magica e rilassante.

Il modo migliore per affrontarla è essere bene informati sui sentieri e le attrezzature necessarie, così da non sbagliare mai. Soprattutto, però, è bene sapere quali siano le migliori mete in Italia. Di seguito una lista delle località più affascinanti in cui ciaspolare.

Le ciaspole, cosa sono e come usarle

Racchette da neve, caspe, ciaspe e ciastre. I nomi usati per indicare le ciaspole sono tanti, ma il concetto è sempre uno. Si tratta infatti di uno strumento con una grande storia che ha a lungo permesso agli amanti della montagna di camminare sulla neve fresca.

Un attrezzo molto amato, tant’è che la corsa con le ciaspole è col tempo diventata un’attività sportiva di una certa complessità. Si tratta anche di un oggetto dal funzionamento parecchio semplice, basato sull’aumento della superficie calpestata: una racchetta con una rete di corda, plastica o altri materiali che permette al piede di non infossarsi dentro la neve fresca.

Cosa sono le ciaspoleCome sono fatte le racchette da neve

Esistono diversi tipi di ciaspole, che variano a seconda della persona che le deve indossare e del tipo di terreno che va ad affrontare lungo il suo percorso. Racchette lunghe saranno perfette per la pianura con neve molto profonda, mentre per i terreni più ripidi e impervi non andranno bene.

A seconda di forma e materiale, le tipologie principali di racchette prendono perciò il nome di ciaspole a fagiolo, ciaspole canadesi e ciaspole moderne.

Un’altra caratteristica importante da tenere a mente quando si decide di acquistare delle ciaspole, inoltre, è la necessità mettere anzitutto ai piedi degli scarponcini adatti. Questi devono a volte avere delle incanalature adatte all’incastro delle racchette da neve, e in generale è meglio che siano alti ed antiscivolamento.

ciaspole sentiero

I paesaggi innevati dove ciaspolare sulle Alpi

I sentieri sulle Alpi sono tanti e variegati, sia a livello di tipo di località che di culture locali, per non parlare poi delle varie difficoltà. Fortunatamente, infatti, esistono sia passeggiate dedicate ai più esperti che molto più semplici, dedicate ai principianti.

Uno dei modi migliori per assicurarsi di non essere mai a rischio, però, è senza dubbio quello di scegliere una gita nella natura organizzata con guida alpina. Le guide alpine, infatti, hanno concluso un percorso di formazione lungo e particolarmente impegnativo che permette loro di essere gli esperti più competenti in materia, garantendo la sicurezza di tutti coloro che scelgono di affrontare una ciaspolata o qualsiasi altra attività insieme a loro. Ciaspole ai piedi, ecco di seguito alcune passeggiate da fare tra boschi, valle e monti a ritmo più o meno sostenuto.

Ciaspolate in Valle d’Aosta, i percorsi più suggestivi

La Valle d’Aosta ospita una grande quantità di percorsi di montagna davvero suggestivi dal punto di vista naturalistico, specialmente quando si parla di paesaggi innevati. Tra questi tanti gli itinerari in val d’Ayas, val Ferret, valle di Gressoney, val Grisenche e val Veny.

Ma anche la valle di Cogne, meta turistica famosa all’interno del parco nazionale del Gran Paradiso, che però non nega varie possibilità di osservazione per gli amanti della natura quasi incontaminata. Se da Cogne si decide di spostarsi in Valmiana, infatti, ci si immerge in percorsi boschivi in cui si possono osservare animali selvatici tra cui stambecchi e grandi uccelli come l’aquila reale.

Nella valle di Gressoney, invece, sempre in Valle d’Aosta, una ciaspolata di 2 chilometri può trasformarsi in un’esperienza mozzafiato. Questo grazie al tracciato nei luoghi della diga del Gabiet, con un dislivello totale di 100 metri, e il lago ghiacciato nei mesi invernali.

Ciaspolate in compagniaDove passeggiare nella neve in Piemonte

Il Piemonte, con i suoi 25mila chilometri quadrati di grandezza e con comuni con altitudine che varia dai 76 metri sul livello del mare ai 2035, offre ai suoi visitatori una valanga di opportunità per vacanze in montagna emozionanti.

Con le sue vallate, montagne e laghi suggestivi, gli impianti sciistici celeberrimi ma la presenza sempre di un’alternativa migliore alla solita vacanza, il Piemonte è insomma uno dei luoghi principali dove pensare di andare ciaspole ai piedi.

Un caso da non ignorare è proprio quello della Val Varaita, percorsa dal torrente omonimo. Al suo interno si possono, ad esempio, attraversare con le ciaspole una serie di sentieri verso rifugi montani. Se ci si sposta verso il lago Bagnour e, poi, il lago Secco, si percorre un cammino di 4 ore in mezzo ai pini cembri del bosco dell’Alevè, di fatto vedendo paesaggi unici in tutta Europa dal punto di vista naturalistico.

Questo è soltanto uno dei casi di esperienze per vacanze spettacolari nella natura piemontese. Splendido ciaspolare anche in Val di Susa, dove c’è più di un percorso per principianti. Se ci si muove dal paesino di Thures, ad esempio, imboccando il sentiero per Cima Bosco si va lungo un tracciato a ridotto rischio di valanghe.

Questo permette di spostarsi con le racchette non solo in sicurezza, ma con anche l’opportunità di riconoscere i monti appartenenti a diverse valli: Argentera, Chisone, Ripa e Thuras.

Dove si può ciaspolare in Lombardia, sentieri facili

Le Alpi della Lombardia offrono una serie di ciaspolate di gruppo comode anche dal punto di vista dello spostamento dalla città. Ad esempio, i milanesi non avranno troppi problemi a muoversi verso la val Seriana.

In realtà in provincia di Bergamo, infatti, Zambla Alta (96km da Milano) rende possibile raggiungere a piedi il rifugio Capanna 2000, con vista spettacolare sul monte Arera. Così un sentiero montano di facilissimo raggiungimento permette anche ai più abituati alla vita di città di riscoprire la natura della Lombardia.

Non così vicino invece Livigno, località sciistica di fama internazionale. Partendo da lì ci si può inoltrare in un sentiero boschivo fino all’Alpe delle Mine. Le racchette da neve diventano così ottimo strumento per scoprire la natura incontaminata della Lombardia.

Una volta tornati dai luoghi delle proprie ciaspolate, si può sempre scegliere di fare una passeggiata nel paese. Livigno infatti propone anche percorsi culturali interessanti, come la visita al museo sulla storia locale e le radici contadine dei luoghi.

Val di Non, tra le ciaspolate alpine più famose

Sicuramente tra le ciaspolate più famose da fare in gruppo nel nord Italia ci sono quelle in Trentino, come quella che collega la val di Non alla valle d’Ultimo. Si tratta di una passeggiata abbastanza lunga, ma che permette ai ciaspolatori di riposarsi in una grande quantità di punti di ristoro.

Dolomiti, dove ciaspolare tra Veneto e Friuli

Tra Veneto, Trentino Alto-Adige e Friuli Venezia-Giulia, le Dolomiti sono un gruppo di montagne delle Alpi Orientali. Caratterizzate da una composizione rocciosa predominante che si chiama, appunto, dolomia, offrono colori, vegetazione e fauna uniche. Tant’è che l’UNESCO le ha dichiarate Patrimonio dell’Umanità.

Dove ciaspolare, sentiero

Diventa così chiaro il perché alcune delle località dolomitiche siano tra le ciaspolate più amate in tutta Europa. Lo dimostra la fama di Cortina d’Ampezzo, dalla quale si parte per raggiungere il Rifugio Scoiattoli, passando poi da una serie di torri di roccia (Inglese, Quarta Alta e Quarta Bassa) fino al rifugio Cinque Torri. Un vero e proprio spettacolo della natura, dove le torri non sono altro che delle rocce verticali appuntite dall’aspetto maestoso.

In Friuli, invece, si può visitare la valle di Ampezzo, partendo da Sauris di Sopra (provincia di Udine) verso la località Beinte, passando poi da Malga Ruke per tornare a Sauris di Sotto.

Si tratta di dei luoghi abitati non solo da parlanti dell’idioma ladino, ancora oggi preservato il più possibile, ma anche da cervi, caprioli, camosci e galli forcello. Una mondo a sé, che ha scelto di conservarsi e che per il visitatore diventa quasi incantato.

Appennino, dove andare e quando

Gli Appennini, rispetto alle Alpi, sono cosa diversa. La neve, infatti, non è così certa come nel nord Italia, ma i panorami che può offrire una ciaspolata in queste località sono spettacolari. Bisogna quindi attendere che le condizioni metereologiche siano più adatte, informandosi attraverso le previsioni.

Dalle montagne che dividono il Bel Paese a metà, infatti, è talora possibile vedere il mare, passeggiandoci praticamente accanto, ma chiaramente poggiando i piedi ben più in alto.

Dove ciaspolare sull’Appennino Tosco-Emiliano

Uno degli itinerari più famosi dell’Appennino Tosco-Emiliano è sicuramente quello verso il monte Cusna. Dal rifugio Monte Orsaro, infatti, ci si può spostare con le ciaspole fino al monte attraverso una strada forestale adatta anche ai più inesperti.

Lungo il cammino di montagna si incontrano Passo Cisa e Prati di Sara, ma per salire sulla vetta ci sarà bisogno di una certa esperienza. I principianti, quindi, potranno limitarsi a raggiungere le pendici del monte Cusna, mentre i più valorosi – con i ramponi e l’attrezzatura adeguata (non solo ciaspole) – potranno proseguire.

Dove ciaspolare in Gran Sasso

Abruzzo, uno sguardo sul Gran Sasso

Per chi, invece, volesse fare una gita al cospetto del Gran Sasso, uno degli itinerari più consigliati è quello che porta dai Prati di Tivo fino a Piano del Laghetto. Nel corso della ciaspolata si potrà vedere il paesaggio verso il Corno Grande, il mare Adriatico e la catena del Gran Sasso. Una passeggiata relativamente semplice, anche se di 10 chilometri.

Il posto migliore dove ciaspolare? Quello in compagnia

Quello che, però, è fondamentale ricordare, è che gli itinerari più spettacolari dove ciaspolare richiedono anche una buona compagnia.

Sono tante le gite organizzate che permettono non solo di fare una passeggiata nella natura e in località diverse dal solito, ma anche di conoscere nuovi amici come accade in Meeters, basta iscriversi e trovare l’evento giusto per te.