Skip to main content

Il Lago di Garda è una delle location più suggestive del nostro paese che siamo abituati ad associare a belle spiagge, borghi dalle architetture da favola, ritrovi mondani e Gardaland. Questo lago, il più vasto d’Italia, ha però tanto altro da offrire, soprattutto nella stagione invernale. Sapevate che le sue acque non ghiacciano mai e che è possibile visitarlo senza problemi tutto l’anno? Non esitate quindi a scegliere questa location per una piccola vacanza anche dopo l’estate e scoprite in questo articolo tutto ciò che c’è da sapere sulle escursioni invernali al lago di Garda!

Dove recarsi per le escursioni invernali sul Lago di Garda?

Escursioni invernali Lago di Garda

Il lago di Garda è il più grande lago italiano. Con la sua superficie di 370 chilometri quadrati, si estende lungo i confini di tre regioni: il Veneto, il Trentino Alto Adige e la Lombardia. Può essere quindi raggiunto comodamente da ogni parte e tutte le località che si affacciano sulle sue acqua sono luoghi magici e paradisiaci.

Vista la sua grande estensione, le acque del Lago di Garda toccano una varietà di paesaggi diversi tra di loro. A nord, assume una forma stretta e allungata che si protende in un paesaggio alpino e dove viene separato dal Monte Baldo dal passaggio del fiume Adige. Nella sua parte più meridionale, il largo si allarga, assumendo una forma semicircolare. Qui le acqua bagnano la Pianura Padana. Nel tratto verso Verona, Brescia e Mantova è invece circondato da colline moreniche. La scelta della destinazione dipende quindi dai vostri gusti.

Il lago di Garda non è meta solo ed esclusivamente del turismo estivo, ma attira tanti visitatori anche in inverno. Il clima lungo il lago infatti si mantiene molto mite e nei mesi più freddi non è raro godere di giornate che si aggirano anche intorno ai 17 gradi. La temperatura dell’acqua si aggira poi sui 12 gradi e la minima dicembrina è di 6 gradi. Inoltre, l’acqua non gela mai (a differenza del lago di Braies che diventa una distesa di ghiaccio). Su questo dato potete stare tranquilli, del resto l’ultima volta che il lago è stato interamente ghiacciato è stato durante l’inverno particolarmente rigido del 1709!

Nonostante le buone condizioni climatiche è sempre bene informarsi presso le associazioni, gli enti e i centri informativi locali sulle reali condizioni dei sentieri e dei percorsi lungo il lago di Garda. L’escursionismo in inverno presenta maggiori rischi, ed è necessario quindi informarsi ed attrezzarsi al meglio.

WEEKEND E VIAGGI

Escursioni invernali Lago di Garda, le attività

L’attività sportiva che è sicuramente più praticata su tutte e tre le sponde del lago di Garda è il trekking, che non si ferma nemmeno in inverno. Le lunghe passeggiate si possono quindi praticare tutto l’anno, lungo sentieri sempre ben segnalati e sicuri, che offrono numerosi punti panoramici da cui ammirare la vastità circostante.

Gli enti locali offrono poi una varietà di percorsi e di escursioni organizzate, in base soprattutto al livello di difficoltà che si vuole intraprendere o all’esperienza. Alcuni dei percorsi proposti prevendono anche una doppia attività, che si divide appunto tra il trekking e la mountain bike.

Le passeggiate più amate nel Garda Bresciano

Escursioni invernali lago di Garda

Nel Garda Bresciano uno dei punti di partenza preferiti dagli amanti di questo sport è Salò. Affianco alla cittadina si estende infatti l’area naturale protetta del parco regionale dell’Alto Garda Bresciano, da cui si dipanano numerosi percorsi da cui raggiungere la vetta del Monte San Bartolomeo. Il Sentiero della Pineta è uno dei più apprezzati anche dai meno esperti. È abbastanza semplice e conduce alla vetta in un’oretta. Da quassù si gode di una vista stupefacente sul lago e, strizzando gli occhi, si può abbracciare con lo sguardo persino la sponda di Sirmione.

Un percorso più lungo e più impegnativo è poi quello che da Salò conduce al Santuario della Madonna del Rio, una chiesetta costruita intorno al ‘700 nel luogo dove si racconta apparve la Vergine Maria. Questa passeggiata inizia dalla Scala Santa, una salita composta da 145 gradini costruiti agli inizi del secolo scorso. Alla fine del percorso si può godere anche qui di una vista meravigliosa, ideale per scattare foto ricordo e ammirare altri borghi del Garda Bresciano.

Il Monte Baldo, la calamita naturale per gli amanti delle escursioni

Escursioni invernali lago di Garda Madonna della Corona

Il Monte Baldo, è il massiccio montuoso che raggiunge quota 2218 metri, compreso tra la provincia di Verona e quella di Trento. La sua posizione strategica lo ha reso il luogo d’elezione per le escursioni lungo le rive del lago di Garda. Gli amanti del trekking in montagna non possono esimersi dal darsi appuntamento qui, grazie alla varietà di scelta tra gli itinerari che il luogo propone, con differenti gradi di difficoltà, adatti anche per i più piccoli.

Tra gli itinerari migliori si ricordano il Sentiero della Colma, semplice e breve (solo 40 minuti) che vi porterà dritti ad un magnifico belvedere sulle Dolomiti. Il sentiero che parte dal paese di Brentino Belluno, invece, è molto più faticoso ma ne vale la pena. Con due ore di camminata e 1500 gradini vi porterà al suggestivo santuario della Madonna della Corona arroccato sulla roccia e sospeso nel cielo. Infine, sul versante occidentale del Monte Baldo potrete raggiungere anche l’eremo dei S.S. Benigno e Caro, partendo da Malcesine, un altro luogo di culto mistico eretto nell’ottavo secolo, circondato da splendidi boschi.

Ci sono però altri motivi, oltre al trekking, che fanno del Monte Baldo una delle mete lungo il Lago di Garda più apprezzate. Qui è infatti possibile praticare tantissime altre attività, tra cui anche sciare o praticare lo snowboard! Questo è possibile sui dieci chilometri di piste dalla Ski Arena, servite anche da funivie e seggiovie, da dove si può scendere godendo di una vista unica e mozzafiato proprio sul lago.

Inoltre, se volete vivere un’ escursione diversa potete prendere parte ad una ciaspolata di gruppo. Le ciaspole sono le tradizionali racchette che consentono di camminare senza rischi nella neve. È questa un’attività che non smette di attirare vecchi e nuovi appassionati, forse più faticosa del semplice trekking ma in grado di dare enormi soddisfazioni. Infine, il Monde Baldo attira anche tanti appassionati di Nordic Walking, la camminata di origine nordica che si avvale di bastoni (simili a quelli utilizzati nello sci di fondo). Un esercizio perfetto per tonificare il corpo e aumentare la resistenza muscolare.

Camminate adrenaliniche tra Garda Trentino e Garda Veneto

Escursioni invernali lago di Garda Monte Altissimo di Nago

Un’altra montagna che si affaccia sul lago di Garda e che non va sottovalutate è il Monte Altissimo di Nago, nel Garda Trentino e appartenente alla catena del Monte Baldo. Dalla sua cima infatti si può ammirare un panorama unico, non solo sul lago, ma anche sulle catene montuose circostanti e sulla Busa Trentina. Quest’escursione invernale prevede l’uso di ciaspole ed è adatta agli escursionisti più navigati, in quanto molto intensa. Per raggiungere la cima potete partire dal Rifugio Graziani, da Nago, da San Giacomo e da San Valentino di Brentonico, tutte località che meritano di essere ammirate.

Anche Riva del Garda, sempre nel territorio del Garda Trentino, è una meta molto nota per un motivo molto semplice: la sua bellezza mozzafiato. Da qui potrete ammirare non soltanto lo splendido borgo ma scegliere numerosi percorsi adrenalinici immersi nella natura. Il Sentiero del Ponale è a picco sul lago e in pendenza, ma non è niente in confronto al Sentiero Busatte-Tempesta che tramite delle scalette sospese che vi porteranno sempre più in alto.

Dal Veneto si può invece affrontare la scalata alla Cima Costabella e affacciarsi così sul lago di Garda,  sulla Pianura Padana e sulle Alpi. Da non perdere assolutamente è anche la passeggiata verso Campo di Brenzone, un borgo antico raggiungibile solo a piedi. Per arrivare si può scegliere tra tanti percorsi diversi, tra cui il famoso Sentiero del Pellegrino.

Se siete escursionisti che amano l’avventura, il percorso che conduce al Ponte Tibetano di Pai, nei pressi di Torre del Benaco è perfetto per voi. In acciaio con griglie anti-scivolo, il ponte è lungo 34 metri per circa un metro di larghezza ed è sospeso a 45 metri dal terreno. La vista da qui è impagabile, ma serve anche un cuore di ferro per percorrerlo!

Il lago di Garda offre tantissime località diverse in cui avventurarsi, in un mix unico di panorami che non smettono mai di stupire. Le occasioni per scoprirlo sono tante, ma se amate semplicemente passeggiare tra la natura date un’occhiata anche a tutti gli eventi disponibili, alle escursioni e alle gite organizzate del nostro paese!