Il Cammino degli Dei: un’immersione tra la natura per ritrovare la serenità

5/5 - (1 vote)

Scopri il Cammino degli Dei: cenni storici, caratteristiche, cosa vedere lungo il percorso, durata e altre curiositàcammino degli dei

Il Cammino degli dei nasce per gli amanti della natura, della montagna e del trekking. Mette in comunicazione due delle più belle città italiane ricche di storia e di cultura, Firenze e Bologna. La Via degli Dèi è considerata la principale motivazione per la quale i turisti si spingono fin qui attraversando l’Appennino Tosco-Emiliano. Attraverso il percorso si ha la possibilità di scoprire la grande bellezza che si cela lungo la via tra patrimonio naturalistico e storico.

Il cammino è adatto a tutti perché non presente molte difficoltà. All’interno dell’articolo, noi della community, ti faremo conoscere più da vicino questo cammino. Ti parleremo del motivo per cui porta questo nome, la peculiarità del sentiero, cosa vedere lungo il cammino e tanto altro.

Prima di continuare con la lettura scopri tutte le attività nella natura da fare in Emilia Romagna. Questi eventi sono organizzati dalla nostra community ogni settimana. Ti permettono di entrare in contatto con altre persone e instaurare nuove amicizie che durino nel tempo.

Il Cammino degli Dei: scopri tutte le caratteristiche peculiari e le tappe (da sapere)

Il Sentiero degli Dei ti regalerà una delle più suggestive esperienze grazie ai suoi luoghi naturali senza tempo. Per completare il percorso si necessitano di quattro, cinque giorni, tutto dipende dalla vostra andatura e da quanto lentamente avete bisogno di vivervi il momento. Sì, perché certi panorami non vanno solo percorsi, ma sentiti con il cuore; c’è da sedersi e meditare sulla bellezza che Madre Natura ci ha donato.

La prima tappa da compiere è lunga circa 21 chilometri, ed è quella che ti condurrà sino Badolo. Una volta arrivato in città potrai visitare il Santuario di San Luca, una strepitosa bellezza architettonica davanti alla quale c’è da rimanere a bocca aperta e col fiato sospeso. Da questo punto goditi la natura finché sentirai che è abbastanza perché sarai circondato tra i pini e gli abeti che emetteranno la sua fragranza.

La seconda tappa del percorso è un po’ più lunga della prima, 28 chilometri; e ti condurrà a Madonna dei Fornelli, passando sul Monte Adone e Monzuno.

La terza tappa è lunga 17 chilometri, e ti condurrà al Monte Fò, superando l’Appennino Emiliano fino ad entrare nel territorio toscano. Da qui potrai scoprire la vecchia Flaminia Militare e il Cimitero Germanico della Futa.

La quarta tappa porta a San Piero a Sieve, passando per il monte Gazzaro dove è stata eretta la croce di ferro per commemorare i tragici eventi di cui è stato capace l’uomo nel corso della storia.

Infine, dopo un tragitto di 33 chilometri, come ultima tappa, arriverai a Firenze che potrai già ammirare dalla colline di Fiesole.meeters eventi

Approfondimenti sul Cammino degli Dei

In realtà il percorso è lungo complessivamente 130 chilometri, ed è caratterizzato da 16 tappe. Spiegarle tutte qui sarebbe impossibile e poi… non vogliamo rivelarvi proprio tutto tutto, sennò dove finirà il bello dell’avventura? A tal proposito abbiamo in programma l’escursione organizzata di gruppo per partire alla scoperta passo dopo passo di tutte quante le tappe.

Il percorso fonda le sue radici su un antico percorso storico utilizzato sin dai romani per viaggiare da Felsina (antico nome dell’attuale città di Bologna) a Fiesole, uno dei borghi più belli di Firenze. Il tragitto è costellato di boschi ed è una meraviglia farlo in primavera giacché il periodo che la natura, svegliandosi, regala i suoi colori più vivaci. Le zone di bosco saranno interrotte in alcuni tratti dalle strade asfaltate, specie quando scenderai in pianura e inizieranno i primi centri abitati.

Se deciderai di affrontare il Cammino degli Dei, avrai la possibilità di attraversare gli Appennini raggiungendo altezze che si aggirano attorno ai 1190 m.s.l.m.

Se stai pensando di rompere la routine per concederti una giornata di pace lontano dal tram tram della vita di sempre, scopri tutti gli eventi che organizziamo in zona. Questi, oltre al Cammino degli Dei, potranno regalarti altri momenti magici di pura condivisione con altre persone con le quali istaurare nuovi legami d’amicizia. Già che sarai in zona, perché non approfittarne?

Il motivo del nome: perché si chiama “Il Cammino degli Dei”?attviità in natura emilia romagna

Come per tutti gli altri cammini da fare in Emilia Romagna, anche la Via degli Dei prende il nome dalla zone naturali e dalle località che attraversa. Il suo nome si ispira ai monti che attraversa, ovvero Monte Adone o Monte di Giove, il Monte Venere e il Monte Laurio.

Tra questi monti il più suggestivo ed emozionante è il Monte Adone poiché caratterizzato da rade praterie e zone alberate, come il leccio e l’alaterno. Ma la meraviglie non finiscono qui, infatti da qualche parte, a soli 650 m.s.l.m., nascono le Grotte della Fate, la Grotticella e il Cunicolo Pazzo. Solo dai nomi si respira già la magia e la peculiarità della zona.

Alcuni cenni storici sul Cammino degli Dei dicono che su questa via hanno viaggiato anche gli Etruschi per potenziare il commercio e il loro dominio sulla Pianura Padana. Durante l’Impero Romano, la via divenne la principale strada che collegava la colonia di Bononia ad Arezzo, fino ad arrivare a Roma.

La Via degli Dei fu realizzata nel 187 a.C. e fu denominata Flaminia Militare e, sin dai tempi del Medioevo, venne percorsa i tutti i modi possibili, sia a piedi che a cavallo. Nei secoli però fu abbandonata fino a che, negli anni ’70, avvenne una specie di miracolo. Sul sentiero sormontato dalla fitta vegetazione selvatica fu ritrovata una moneta romana. Da quel momento in poi iniziarono gli scavi, ed ecco come nacque il Cammino degli Dei che conosciamo tutti e sul quale abbiamo il privilegio di camminare.

In quale periodo andare e cosa vedere lungo il Cammino degli Dei

Il percorso nasce e si sviluppa in montagna, tra i boschi e a una certa altitudine. Tuttavia le temperature si mantengono miti durante gran parte dell’anno, anche durante l’estate e la primavera. Questi infatti sono i periodi che noi della community consigliamo sicuramente. Ovviamente bisogna sempre tenere conto del giusto abbigliamento per affrontare il cammino al meglio.

Durante il percorso, grazie ai vari punti di ristoro seminati lungo tutto il percorso, potrai assaporare i piatti tipici della tradizione locale. Oltre a questo tra Bologna e Firenze, culla del rinascimento italiano, potrai ammirare le torri di Bologna con la meravigliosa Piazza Maggiore.

A Firenze invece, ti aspettano i marmi bianchi, il famoso Ponte Vecchio e il David, la scultura realizzata in marmo da Michelangelo Buonarroti, conservata nella Galleria dell’Accademia a Firenze.

Nei primi 20 chilometri del Cammino degli Dei passerai sotto il portico più lungo del mondo, costituito da 666 arcate; è lungo poco meno di quattro chilometri. Il porticato di condurrà al Santuario della Beata Vergine di San Luca, a Bologna.

Continuando il percorso, seguendo il fiume Reno, arriverai all’Oasi Naturalistica di San Gherardo ricca di riserve naturali e oasi. Tra le più suggestive c’è l’Oasi Selvatica di Monte Adone dove potrai ammirare diverse specie di uccelli, scoprire la flora selvatica e i panorami meravigliosi circostanti.

Un altro luogo da non perdere lungo il Cammino degli Dei è il cimitero germanico, nei pressi del Passo della Futa, all’interno del quale riposano 30.000 salme di militari tedeschi che persero la vita durante la guerra.


 


Come organizzare l’escursione del Cammino degli Dei

Potrai affrontare il cammino in perfetta solitudine che ogni tanto non fa mai male, ma se proprio hai voglia di provare questa esperienza in compagnia, allora scopri la nostra escursione organizzata. Partecipando alla nostra escursione avrai a disposizione una guida esperta che ti accompagnerà lungo tutto il cammino e che renderà l’esperienza ancora più pazzesca. In caso di emergenza, o di qualche necessità, potrà anche esserti di supporto e sostenerti in quello di cui necessiti.

Infine dai uno sguardo agli eventi che organizziamo vicino alla tua zona, questi ti permetteranno di entrare in contatto con nuove persone, instaurare nuovi rapporti di amicizia e condividere passioni e interessi.

Che ne pensi di questo contenuto?

Grazie per il tuo feedback!
[social_buttons nectar_love="true" facebook="true" twitter="true" pinterest="true" linkedin="true" style="default"]
Lascia un commento