Il Santuario di San Romedio: l’eremo più bello d’Italia

Da un voto a questo post

Il Santuario di San Romedio è una delle principali mete per un’escursione in Val di Non, in Trentino. Si tratta di un’importantissima testimonianza dell’arte cristiana-medievale, oltre che un luogo di pellegrinaggio che si erge su una rupe calcarea alta oltre 70 metri.

Immerso tra la Natura selvaggia e incontaminata, è composto da diverse chiese e cappelle costruite direttamente sulla roccia. I vari edifici sono collegati tra loro da una ripida quanto spettacolare scalinata di 131 gradini.

Tra le cappelle, quella più antica risale all’XI secolo, a cui si sono aggiunte, negli anni, altre tre chiesette, due altre cappelle e sette edicole della passione. Per questo motivo, è uno dei santuari italiani più amati e frequentati e deve il suo nome all’eremita Romedio di Thaur, erede di una ricca casata. L’uomo, dopo un pellegrinaggio a Roma, decise di abbandonare ogni ricchezza e di dedicarsi alla ricerca di Dio e alla meditazione.

Tra le leggende che aleggiano attorno a questo suggestivo luogo, quella dell’orso è, sicuramente, la più conosciuta. Secondo la storia tramandata nei secoli, durante un viaggio verso Trento, Romedio fu assalito da un orso che dopo aver sbranato il suo cavallo, fu domato dall’eremita, il quale proseguì il viaggio proprio in sella all’animale.

santuario di san romedio

Come arrivare al Santuario di San Romedio

Raggiungere il Santuario di San Romedio non è difficile e puoi utilizzare l’auto, oppure affrontare una bella e suggestiva passeggiata. Nel primo caso, devi per forza scegliere un periodo di bassa stagione, perché durante l’estate la strada viene chiusa al traffico proprio per permettere il flusso dei turisti e dei pellegrini.

Se decidi di usare la macchina nel periodo di bassa stagione, puoi arrivare fino al santuario e lasciarla nel comodo parcheggio a pochi minuti da San Romedio. Qualora, invece, decidessi di visitarlo in alta stagione, allora dovrai parcheggiare in uno dei due posteggi nei pressi del paese di Sanzeno. Da qui puoi prendere una delle navette che partono ogni 20 minuti, oppure percorrere circa due chilometri e mezzo a piedi lungo il suggestivo sentiero nella roccia.

In alternativa, come detto, puoi raggiungere il Santuario di San Romedio a piedi, imboccando uno dei sentieri che portano fino all’eremo. Il più importante e conosciuto, è quello appena citato, ovvero il sentiero nella roccia da Sanzeno a San Romedio. Si tratta di uno spettacolare percorso a strapiombo, tra rocce e passerelle di legno ed è lungo circa due chilometri e mezzo.