Skip to main content

L’autunno è una stagione molto particolare: un po’ perché è la stessa stagione a contenere Settembre, mese delle ripartenze e dei secondi inizi, un po’ perché è quella dal più alto valore estetico grazie ai colori di cui si tingono gli alberi. C’è qualcosa di meglio che passare una giornata autunnale all’interno di un bel lago alpino immerso in una riserva naturale dalle bellezze sconsiderate?
Probabilmente no. Per questo motivo non possiamo fare altro che cercare di consigliarvi di andare a visitare il Lago di Braies in Autunno e, a nostro supporto, abbiamo deciso di riassumere insieme tre motivi diversi per farlo.

Dove si trova il Lago di Braies e perché è così famoso?

Prima però due paroline per cercare di farvi capire di che stiamo parlando, perché magari non siete al corrente di cosa sia il Lago di Braies.
Il lago di Braies è un piccolo lago alpino situato nella valle omonima a 97 chilometri da Bolzano, all’interno del territorio del comune di Braies. Il Lago è un piccolo lago di forma circolare nato in seguito alla sbarramento del Rio Braies, sbarramento dovuto ad una frana staccatasi nottetempo dal vicino Sasso del Signore.

Diverse sono le leggende che circondano la zona. Alcune parlano di un tesoro sommerso sotto le rive del lago, tesoro raccolto da selvaggi alla ricerca di pietra e di oro. Secondo la leggenda questi selvaggi si recarono sulle montagne antistanti al lago alla ricerca di ricchezze. Venendo braccati dai pastori del luogo decisero di nascondere i propri tesori all’interno di lago stesso e, da lì, nulla è stato più ritrovato.

Altra leggenda è quella che coinvolge l’esistenza di una porta segreta sotto al lago. Questa porta, se aperta, conduce all’ultimo rifugio dei Fanes, un’antica popolazione mitica di origine Ladina. I Fanes, ancora oggi, sono in attesa del tempo promesso dove troveranno pace e prosperità.

Meno affascinante dal punto di vista mitologico ma estremamente più pragmatico è il motivo per cui il lago è popolare. Dal 2011 al 2015 il lago è stato l’ambientazione per la popolare fiction italiana “Un passo dal cielo” con Terence Hill. La fiction stessa, finanziata in parte con dei fondi appositi da parte della Business Location Südtirol, è stata un successo. Questo ha portato, in maniera definitiva, il nome di Braies sulle luci della ribalta.

Abbiamo realizzato già qualche articolo sul lago di Braies, qui se vuoi avere informazioni generiche e qui se vuoi sapere che escursioni fare. Se invece non hai ancora capito come ci si arriva leggi questo nostro articolo con tutte le indicazioni del caso.

Perché andare al Lago di Braies in Autunno?

Perché tra tutte le stagioni possibili consigliamo di andare al lago di Braies in Autunno? Quali sono i vantaggi che il periodo autunnale porta con sé?
Abbiamo cercato di proporvi cinque buone ragioni per visitare questo splendido pezzo di Italia proprio durante i mesi autunnali nella lista qui sotto!

C’è meno caos!

lago di braies in autunno poco caos

Questa, secondo noi, è una delle motivazioni principali per cui andare al lago di Braies in autunno è una mossa molto intelligente. Il lago, complice il boom di popolarità di cui parlavamo sopra, è diventato terribilmente popolare. La sua popolarità nel corso degli anni è cresciuta talmente tanto che, d’estate, è impossibile godersi il lato con in “santa pace”.

Volete un paio di esempi? I parcheggi del lago di Braies, se si arriva con macchina propria, d’estate vanno prenotati. Se non è possibile parcheggiare in loco è necessario appoggiarsi ai mezzi pubblici di Braies, Dobbiaco e dintorni ma data l’affluenza mastodontica questi sono sempre strapieni. Lo stesso anello del lago e gli stessi sentieri intorno al lago di Braies sono particolarmente popolati durante l’estate, cosa che potrebbe non piacere ai più introversi.

contenuto anello lunghezza laghi braies natura perla delle dolomiti

La minor quantità di caos rende anche più facile prenotare un posto per mangiare o pernottare presso lo splendido Hotel Lago di Braies. L’hotel in questione è lo stesso, famoso, ad essere esattamente sulla riva del lago ed è anche conosciuto con il nome di Hotel Pragser Wildsee.

Questione di colori

lago di braies colori autunno

Parliamoci chiaro: è impossibile parlare di un lago in montagna durante la stagione autunnale senza pensare nemmeno di striscio ai colori che risulteranno visibili durante lo stesso periodo.
Il lago di Braies infatti è immerso in una conca di carattere alpino e la foresta che circonda la zona è caratterizzata da svariate specie di alberi. I boschi sono infatti principalmente composti da esemplari di abete rosso, pino cimbro, pino silvestre e larice mentre nel sottobosco è molto più comune trovare arbusti come rododendro, mirtillo nero e mirtillo rosso.

Salendo di altitudine, inerpicandosi per i sentieri che portano alle malghe e oltre, è anche possibile imbattersi nel pino mugo.
Da non dimenticare nemmeno i fiori come la stella alpina, la Grigna meridionale, Ormino dei Pirenei, l’achillea delle Dolomiti, la Globularia o il Camedrio alpino, tutte specie che con un po’ di fortuna è possibile incontrare in loco.

Per questo motivo la colorazione del lago di Braies in autunno è praticamente irresistibile, con gialli e rossi che si intrecciano in sfumature e incroci sempre diversi. A questo si deve anche sommare la colorazione del lago, in bilico tra il verde blu chiaro e quello scuro in base al meteo e alle condizioni meteo. Tutti questi colori, ad un occhio poco allenato, possono portare veramente ad estasi visive degne di una visita ad un prestigioso museo.

I più fortunati potranno anche notare i colori e le forme aggraziate degli animali selvatici che si aggirano nel Parco Naturale Fanes-Senes-Braies.
Tra le malghe più alte è possibile trovare tanto la lepre bianca quanto la pernice bianca. Nei pressi del bosco, invece, è possibile incontrare volpi, ermellini, caprioli o rapaci come lo sparviero o l’astore.

Noleggiare una barca a remi e attraversare il lago

lago di braies in autunno barche

Chiaramente sarebbe un peccato andare al Lago di Braies in autunno senza sfruttare la minore affluenza per delle attività specifiche. In questo caso, grazie allo scarso numero di persone, affittare una delle barche a remi per farsi una traversata sul lago è ampiamente consigliato. Basta farsi un giro su Instagram per vedere come la località e l’attività siano tra le più popolari d’Italia quando si parla di social network.

Il giro in barca permette di guardare la splendida natura del luogo ed il lago stesso da un punto di vista diverso, con il vantaggio di venir circondati (se non sopraffatti) da tutta la bontà che la natura ha deciso di raccogliere in Trentino Alto Adige.

Il costo del nolo per la barca a remi è abbordabile da praticamente tutte le tasche. La cauzione per poter affittare la barca è di 20 € e, da li in poi, è necessario scegliere tra due tariffe. Da una parte si paga 12 € per una mezz’ora in barca e dall’altra 20 € per un’ora intera.

Adesso hai abbastanza motivazioni per convincere i tuoi amici a venire con te al Lago di Braies in Autunno. Se nessuno vuole venire con te non perderti d’animo e iscriviti a Meeters per trovare nuove persone con le quali vivere grandi avventure nella natura (e non solo).