Lago di Resia: una passeggiata tra mistero e bellezza

Da un voto a questo post

Il lago di Resia si trova a Curon Venosta, ovvero in Alto Adige. Lo si trova incastonato in un panorama alpino quasi selvaggio, ed è tra i bacini d’acqua più grandi dell’intera area di Bolzano. Uno spettacolo affascinante, dominato dalla presenza di un campanile sommerso, che suggerisce che questo non è un luogo come altri.

Visitare il lago di Resia, infatti, non vuol dire soltanto fare una passeggiata nella natura. La storia dei luoghi in cui il lago si trova è tutta da scoprire e rivivere nel corso della propria visita. Ed è anche per dare la possibilità di scoprire queste curiosità e diventare detective del territorio che a volte bisogna partecipare a delle visite organizzate con guida.

Il lago di Resia ha una storia molto particolare, dato che è un lago artificiale
Il lago di Resia ha una storia molto particolare dato che è un lago artificiale

La storia del lago di Resia e di Curon Venosta

La bellezza non nasce solo dalla gioia, ed è per questo che la magnificienza del lago di Resia non è data da una storia felice. Il mistero e l’aspetto quasi da fiaba di questa località altoadesina sono infatti fortemente intrecciati con il racconto di luoghi persi per sempre. Un mistero che è diventato anche ispirazione per una serie TV Netflix.

Tutto ebbe inizio quando negli anni ’50, poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, si ebbe l’idea di costruire una diga che producesse energia idroelettrica. L’idea era quella di unire due bacini del Passo Resia, ovvero appunto il lago di Resia e quello di Curon. Una proposta sicuramente utile per il piano originale, ma che non fu apprezzata dalla popolazione.