Skip to main content
4.1/5 - (16 votes)

Le Dolomiti sono uno dei più grandi monumenti naturali del nostro paese che tutto il mondo ci invidia. Chi ama camminare nella natura sa bene il perché: alti picchi, boschi, verdi vallate, laghi montani che si confondono con il cielo, borghi caratteristici ricchi di storia e, non da ultimo, piatti tipici unici. Per ammirare tutto questo e molto di più il trekking è l’attività giusta! Abbiamo quindi selezionato per voi le migliori escursioni sulle Dolomiti per vivere a 360° questo magnifico territorio!

Escursione al Santuario di Santa Croce

Iniziamo il nostro tour delle Dolomiti con un trekking molto semplice, adatto anche ai principianti. Il percorso è lungo in tutto 4 ore ed è un po’ impegnativo, quindi preparatevi al meglio prima di partire all’avventura.

Situato nell’Alta Badia, il Santuario di Santa Croce è uno dei monumenti più noti e amati. La zona in cui sorge è sempre stata un luogo di culto, già per le prima popolazioni che vi abitarono praticando rituali pagani. La chiesa che possiamo ammirare oggi è stata però consacrata nel Medioevo e, tra una vicissitudine e l’altra, è arrivata a noi quasi intatta.

Il punto di partenza dell’escursione è il borgo di San Cassiano. Partendo dal centro storico, ci avventuriamo prima nella parte alta del paese e poi dentro i boschi seguendo la segnaletica del sentiero numero 15. Questo primo tratto è il più faticoso, ma una volta superato il trekking diventerà davvero una passeggiata e avrete modo di ammirare la bellezza del paesaggio circostante in tutta calma.

Una volta giunti al Santuario potete concedervi una meritata pausa per riempirvi gli occhi di stupore. Dopodiché per tornare indietro vi basterà ripercorrere a ritroso il sentiero dell’andata.

Escursione alle Tre Cime di Lavaredo

Uno dei simboli indiscussi delle Dolomiti sono le Tre Cime di Lavaredo, sogno di tutti gli alpinisti e meta privilegiata da ogni trekker. Uno dei sentieri più belli per ammirarle da vicino è il percorso ad anello che vi proponiamo qui. Un trekking abbastanza impegnativo, ma con un grado di difficoltà nella media. La durata è infatti di circa 3 ore e il dislivello solo di 400 metri.

Si parte dalla cittadina di Dobbiaco, in provincia di Bolzano. Man mano che si sale in quota, il percorso  è scandito dalle soste presso i rifugi storici della zona. Il primo è il rifugio Auronzo, a 2320 metri d’altezza, da cui si prosegue verso il rifugio Lavaredo a Forcella Lavaredo, uno dei punti panoramici più belli e in cui potrete già scattare bellissime foto delle Tre Cime.

La terza sosta è rappresentata dal Rifugio Locatelli, dove potrete scegliere se proseguire direttamente verso le Cime oppure prendere delle piccole ma affascinanti deviazioni. La prima conduce verso Malga Lange Am, per ammirare alcuni dei bellissimi laghi del Trentino. La seconda conduce invece al cospetto del Monte Paterno, una delle vette più amate delle Dolomiti di Sesto.


 


Escursione alle Torri del Vajolet

Spostiamoci ora nella provincia di Trento, precisamente in Val di Fassa, per scoprire uno dei più bei gruppi delle Dolomiti. Stiamo parlando delle Torri del Vajolet, sette alte cime che popolano i sogni di tutti gli alpinisti! L’escursione che vi proponiamo non è troppo difficile, ma abbastanza impegnativa per chi è alle prime armi.

L’inizio del percorso è a Vigo di Fassa da cui si può raggiungere il rifugio Ciampede sia a piedi che con la funivia. Una volta in quota, si prosegue fino al rifugio Gardeccia seguendo il sentiero 546 e poi si continua fino ai rifugi Preuss e Vajolet.

Qui inizia la parte più difficile dell’escursione, consigliata esclusivamente agli escursionisti più rodati. Il tratto finale è infatti parecchio scosceso ed esposto, ma è tuttavia sicuro e attrezzato. La tappa finale è il rifugio Re Alberto da cui ammirare la maestosità delle Torri del Vajolet!

Escursione al Sass de Stria

Torniamo in Val Badia per un altro sentiero ricco di fascino, ma più complesso. Il trekking che porta in cima al Sass de Stria è infatti consigliato a chi ha una buona preparazione fisica. Inoltre, per percorrerlo in sicurezza è bene indossare imbracature e caschetti perché prevede tratti più esposti e scoscesi che sono stati comunque messi in sicurezza e attrezzati con scalette di ferro e cavi metallici. Evitate quest’escursione se soffrite di vertigini!

Punto di partenza è il forte ‘Ntra i Sass, vicino al Passo Valparola. La prima parte del sentiero è abbastanza tranquilla e poco faticosa. La vista si apre su una veduta incantevole dei massicci del Lagazuoi e della Marmolada. Una volta in cima, vi troverete a ben 2477 metri d’altezza e avrete l’impressione di poter tenere tutta la Val Badia in una mano.

Questo sentiero ha poi una grande rilevanza dal punto di vista storico. Nel cammino vi imbatterete in un vero e proprio museo a cielo aperto della Prima Guerra Mondiale, tra trincee, camminamenti e gallerie. Il Sass de Stria fu infatti un’importantissimo avamposto militare per gli austriaci e sono tante le tracce rimaste.

Escursione alle Cascate del Pisciadu

Concludiamo la nostra guida alle migliori escursioni sulle Dolomiti con un trekking abbastanza semplice, rilassante e molto bello, consigliato sia ai principianti che ai bambini. Ci troviamo ora in uno dei punti di maggiore fascino del Trentino Alto Adige, la bellissima Val Gardena, circondata dalle vette del Gruppo del Sella e del Gruppo del Cir. Questa è una zona consigliatissima a chi vuole dedicare le sue vacanze allo sport: l’anello sciistico e ciclistico del Sallaronda è una tappa davvero imprescindibile!

Per arrivare alle Cascate del Pisciadu dobbiamo muoverci dal borgo di Corvara. In tutto la nostra passeggiata avrà una durata di circa 90 minuti. La prima tappa è lo splendido valico alpino del Passo Gardena e il suo rifugio Jimmy, dove sostare per un’assaggio delle tradizioni culinarie regionali. Da qui il percorso prosegue in salita, arrivando prima alla base delle cascate e poi sulla loro cima per ammirare il salto dall’alto.

Questi erano i nostri consigli per le migliori escursioni sulle Dolomiti. Se vi sono piaciuti e vorreste scoprire questi sentieri in compagnia di nuovi amici, non esitate a iscrivervi a Meeters e a partire con noi alla scoperta dell’Italia!

 

Lascia un commento