Quando andare a Cipro

5/5 - (1 vote)

Sapere quando andare a Cipro è fondamentale per avere la possibilità di trascorrere qui una vacanza indimenticabile e godere di tutte le bellezze di questa straordinaria isola del Mar Mediterraneo, terza per grandezza dopo la Sicilia e la Sardegna. Si tratta di un luogo ricco di fascino e di storia, perfetto per una vacanza all’insegna del relax e dell’esplorazione.

Il clima di Cipro è molto mite tutto l’anno e gli itinerari da poter percorrere sul suo territorio sono tanti. Dalla capitale Nicosia alle incontaminate coste dove il mare risplende di un color smeraldo fino alla spiaggia di Petra tou Romiou, dove, secondo le leggende, sarebbe nata Afrodite, la Dea dell’amore.

quando andare a cipro

Perché andare a Cipro

Organizzare un viaggio a Cipro è un’esperienza ricca di fascino e suggestione. L’isola più a est del Mediterraneo è un luogo che sprigiona magia e mistero da ogni angolo e ha un clima mite tutto l’anno. Si tratta, dunque, della destinazione ideale per chi ha bisogno di un periodo di pausa per allontanarsi dai ritmi frenetici della vita quotidiana e riappropriarsi della propria quotidianità.

Le temperature, qui, non scendono mai sotto i 15°C e perfino in autunno la lancetta può raggiungere i 30°. Chi ama il caldo e il mare, a Cipro troverà un vero paradiso dove rilassarsi, godersi le acque cristalline e concedersi qualche passeggiata nei piccoli borghi della costa.

Tra caratteristiche località dell’entroterra, paesini a picco sul mare, città dai colori allegri e vivaci e spiagge degne dei Caraibi, Cipro è una meta buona in ogni stagione. Scoprire le bellezze di Nicosia, l’unica capitale europea divisa in due dal 1974, con la parte sud che appartiene ai greci-ciprioti (e all’UE) e la parte nord ai turchi-ciprioti, significa respirare un’atmosfera unica al mondo.

E poi c’è il mare, il vero tesoro dell’isola, dove farsi un bagno è un’esperienza incredibile. Puoi scegliere uno dei tanti resort che sorgono nella parte sudorientale di Cipro, oppure avventurarti a Nissi Beach, la spiaggia da cui potrai raggiungere, a piedi e con la bassa marea, un isolotto distante poche centinaia di metri. Per finire con la famosa Makronissos Beach, con la sua sabbia bianchissima e il mare turchese.

Infine, la già citata Petra tou Romiou, un luogo fuori dal tempo, in cui la bellezza del mare azzurro incornicia i tanti siti archeologici e le montagne a picco sul mare. Insomma, Cipro offre molto da vedere, soprattutto a chi ha voglia di scoprire ed esplorare e sogna un viaggio indietro nel tempo.

CiproNicosia

Quando andare a Cipro

Il clima mediterraneo è uno dei maggiori punti di forza di Cipro, soprattutto nelle zone costiere. Qui, infatti, le estati sono calde e poco piovose e gli inverni molto miti. Soltanto se ci si addentra nelle zone montuose centrali, c’è il rischio di imbattersi in meteo avverso e in temperature più fredde, anche vicine allo zero.

Il periodo più piovoso comprende i mesi di dicembre e gennaio, quando le temperature si attestano sui 17°C. Nelle altre stagioni, le piogge sono scarse o contenute, tanto che da giugno a settembre l’isola deve fare i conti, spesso, con la siccità.

Durante l’estate che, a Cipro, dura all’incirca da maggio a ottobre, la temperatura diurna sull’isola può raggiungere picchi di 36°C nelle zone interne e di 32°C sulla costa. La sera, però, scende intorno ai 20°C, anche grazie ai venti che soffiano dal mare e che rendono il caldo più sopportabile.

Dunque, per capire quando andare a Cipro, è necessario stabilire il tipo di vacanza che si vuole vivere. Nel caso di un soggiorno all’insegna dell’esplorazione e delle escursioni, il periodo migliore è durante la primavera o l’autunno, quando le temperature non sono troppo soffocanti. Se, invece, si cerca una vacanza tra spiagge e mare, allora meglio scegliere un periodo tra giugno e metà ottobre, quando non c’è traccia di precipitazioni e puoi goderti al massimo la bellezza delle coste cipriote.

WEEKEND E VIAGGI

5 cose vedere a Cipro

Oltre alle splendide spiagge, Cipro offre tante altre attrazioni per turisti e visitatori, a cominciare dalla capitale Nicosia e dal suo centro storico e dalla Ledra Street. Si tratta di una strada pedonale dove respirare a fondo l’atmosfera locale e acquistare, magari, qualche souvenir.

Nella zona nord di Nicosia, invece, si trova il Buyuk Han, il caravanserraglio più grande dell’isola. È una delle maggiori opere architettoniche, realizzata dagli Ottomani nel 1572 e che, un tempo, ospitava i mercanti in cerca di un ristoro.

Sempre nella capitale, non puoi farti sfuggire la bellissima Moschea Selimiye o Cattedrale di Santa Sofia. Con i suoi minareti visibili in lontananza, rappresenta una delle principali attrazioni religiose dell’isola. Tuttavia, per entrarci bisogna essere scalzi e le donne devono coprirsi il capo in rispetto al culto musulmano.

Infine, ultimo luogo da visitare a Nicola è il Museo Archeologico di Cipro che raccoglie i migliori ritrovamenti che raccontano, ancora oggi, l’antica storia dell’isola. Il Museo è composto da 14 sale che si susseguono in ordine cronologico, dal neolitico al periodo bizantino.

Infine, se ami le escursioni e la Natura, non puoi perderti una visita ai Monti Troodos e al Kykkos Monastery. Si tratta della catena montuosa più imponente dell’isola e luogo ideale per chi cerca un po’ di refrigerio dal caldo opprimente delle città e delle spiagge. Da qui, potrai ammirare Cipro da un punto di vista del tutto privilegiato, goderti il silenzio delle foreste e visitare le 10 chiese bizantine qui edificata tra l’XI e il XVI secolo.

CiproMare

Vacanza a Cipro: qualche consiglio

La prima cosa da sapere su Cipro è che, nonostante sia membro dell’UE, non fa parte del trattato di Schengen. Dunque, quando si sbarca sull’isola, bisogna passare dal controllo dei documenti. Tuttavia, non è obbligatorio il passaporto, ma è sufficiente una carta d’identità valida per l’espatrio.

Uno dei consigli più comuni delle agenzie di viaggio e dei tour operator è di arrivare sull’isola dal territorio della Repubblica di Cipro, ovvero dagli aeroporti di Larnaca e Pafos o dai porti di Limassol e Larnaca. Gli scali della Repubblica Turca di Cipro del Nord, infatti, operano in modo illegale (essendo riconosciuta solo dalla Turchia), quindi è meglio evitarli.

Se si vuole, comunque, visitare anche la parte turco-cipriota, allora è necessario il passaporto, anche se, soprattutto negli ultimi tempi, viene accettata anche la semplice carta d’identità. Infine, per quanto riguarda l’eventuale esportazione di beni artistici e archeologici, questa è sottoposta a delle limitazioni, mentre nella Repubblica di Cipro non è possibile introdurre merce contraffatta acquistata nell’altra parte dell’isola.

Che ne pensi di questo contenuto?

Grazie per il tuo feedback!
[social_buttons nectar_love="true" facebook="true" twitter="true" pinterest="true" linkedin="true" style="default"]
Lascia un commento