Skip to main content

L’Italia riesce a regalare emozioni uniche nel loro genere grazie alla sua grandissima varietà di paesaggi e luoghi. L’ennesima dimostrazione è la presenza di un luogo speciale, il “Sentiero del Cuore” sul lago di Scanno, in Abruzzo.

Il nome nasce proprio dalla conformazione del lago, che da una particolare prospettiva sembra prendere la forma di un cuore. Proprio per questo negli ultimi anni quest’area ha conquistato chiunque vi abbia fatto visita, soprattutto gli innamorati.

Scegliere di passare una domenica per un’escursione al lago attraverso il sentiero del cuore è allora un’opportunità di cui approfittare presto, soprattutto con l’arrivo della bella stagione. Si tratta di un percorso semplice che si può fare sia da soli che in gruppi più grandi, magari accompagnati da amici e persone nuove.

Dove si trova il sentiero del cuore Scanno

Il sentiero del cuore conduce al lago di Scanno, in Abruzzo, in provincia dell’Aquila. Il lago si è formato per l’interruzione del corso del fiume Tasso a causa di una frana del gruppo montuoso del Genzana, all’interno dell’Appennino abruzzese. Questa regione italiana è particolarmente adatta per gli amanti di trekking grazie alla quantità di possibili gite nelle montagne dell’Abruzzo, in genere così ben organizzabili da essere adatte proprio a tutti.

Questo sentiero fa parte di una fitta trama di percorsi montani, che collegano tutta l’area attorno al lago ed anche oltre. Si tratta di un sentiero abbastanza veloce, tra i 40 e i 70 minuti a seconda del proprio passo, e così facile da poter essere fatto anche con i più piccini. Proprio per questo si può sicuramente andare in gruppo per godere insieme della vista su un lago assolutamente unico al mondo.

Vista aerea del lago di Scanno

Vista aerea del lago di Scanno

Come prepararsi per raggiungere il lago di Scanno

Il sentiero del cuore è sterrato. Partendo da questo principio, e dal fatto che – nonostante il dislivello non sia molto – la strada è in salita, bisognerà partire dal presupposto che è necessario indossare gli scarponi da trekking.

Chi, poi, vorrà portare i propri figli con sé, dovrà tenere in considerazione che non si tratta di un percorso adatto ai passeggini. Meglio quindi portare i propri piccoli in modo alternativo – come, ad esempio, attraverso dei marsupi – oppure aspettare che siano un pochino più autonomi se ciò non è possibile.

Sicuramente ancora fondamentale per non arrivare impreparati sarà controllare le previsioni metereologiche. Queste saranno utili anche per raggiungere l’area di sosta, in quanto in caso di neve si dovranno mettere le catene adatte.

Come raggiungere il sentiero del cuore

Ci sono posti in cui è davvero difficile trovare con facilità il percorso giusto. Ecco, il lago di Scanno non è uno di questi. Basti pensare che si può arrivare al sentiero del cuore anche attraverso dei bus navetta del comune di Scanno, in modo tale che nessun turista si possa perdere una volta arrivato nella cittadina. Purtroppo, però, gli unici mezzi pubblici verso questo luogo sono gli autobus, in quanto non esiste una stazione dei treni di Scanno.

Nonostante ciò, la crescita in fama del lago ha permesso anche un certo sviluppo di questo tipo di turismo, e non sarà sicuramente difficile trovare un’alternativa. E, perché no, se si decide di viaggiare in gruppo Meeters si troverà sicuramente qualcuno disposto a offrire un passaggio!

Se, invece, si ha una propria macchina, si può potrà così arrivare direttamente a Scanno (uscita “Cocullo” sulla A24 Roma-Pescara). Da lì si dovrà raggiungere “Via della Pineta”, per poi parcheggiare lì il proprio mezzo. Una volta a piedi, raggiungere il percorso per il trekking sarà un gioco da ragazzi: il sentiero del cuore è davvero ben segnalato.

Una volta imboccata la strada, prima di arrivare al punto panoramico si passerà dall’Eremo di Sant’Egidio, una chiesa rurale davvero suggestiva perché sulla cima dell’omonimo colle. Dopo aver osservato la sua bellezza si potrà ripartire, arrivando così al punto panoramico da cui tutte le foto più mozzafiato del lago di Scanno vengono scattate.

Scanno, dove si trova il sentiero del cuore,  è un paese dalla conformazione molto suggestiva

Scanno è un borgo dalla conformazione molto suggestiva

Cosa vedere vicino al lago, tra storia e natura

Ma non solo sentieri di montagna: se si desidera costeggiare il lago da più vicino, infatti, lo si potrà raggiungere abbastanza facilmente. Una volta lì è assolutamente imperdibile la particolare chiesa della Madonna del Lago, lì dal 1702, gioiello insieme al lago verde-azzurro del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Dopo aver osservato le coste del lago, in cui tra l’altro è possibile la balneazione, si potrà poi decidere di tornare al borgo di Scanno, che a sua volta ha diverse attrattive turistiche. Tra queste, ad esempio, bisogna ricordare la Fontana Sarracco, anche detta “del ceto sociale” perché sulle sue cannelle raffigurava tutti i ceti di appartenenza di chi la usava.

Da visitare con i bambini, invece, il museo della lana. Si tratta di un gioiellino adatto a chi ama conoscere di più sui borghi e le piccole comunità, e che raccoglie la storia di questi luoghi isolati e del suo popolo di lavoratori, che per tanto tempo hanno dato da vivere alle proprie famiglie attraverso la pastorizia. Curiosa sicuramente la gonna di lana che ancora certe signore anziane indossano, che pesa ben 15 kg!

In Abruzzo, ma soprattutto a Scanno, ancora oggi si pratica la pastorizia

In Abruzzo, ma soprattutto a Scanno, ancora oggi si pratica la pastorizia

Pausa pranzo dopo la passeggiata: cosa mangiare a Scanno dopo il sentiero del cuore

Il pranzo a sacco è un’idea niente male, ma nulla vale quanto un pasto delizioso mangiato in mezzo alle montagne. Questa è l’esperienza che si può avere a Scanno, luogo che non nega ai turisti nemmeno un buon pasto, dal primo fino al dolce.

Negli agriturismi della zona si potranno assaporare i gusti di delle paste particolari, come le sagne (in semola di grano duro) al brodo o al sugo oppure i cazzillitti con grano di Solina, ovvero delle specie di gnocchetti di pasta da gustare con orapi e fagioli. Tutto caratteristico del luogo non solo per la peculiarità delle forme, ma anche perché gli orapi, ad esempio, sono un tipo di spinacio selvatico tipico della zona.

Per quanto riguarda i secondi, a dominare è chiaramente la carne: così si potranno assaporare gli arrosticini di pecora, perfetti considerando che in quest’area si pratica ancora la pastorizia.

Infine, esistono inoltre dei dolci di Sanno, perfetti anche per i più piccoli. Tra questi il Pan dell’Orso, fatto con farine di grano duro, di patate e di mandorle, unite poi a miele, burro, zucchero e aromi di mandorla, arancia e limone.

Andare a Scanno in gruppo, come fare

Se, però, tutti sono impegnati e non ci si vuole avventurare da soli al sentiero del cuore sul lago di Scanno, c’è sempre una soluzione a portata di mano. Meeters, infatti, organizza gite di gruppo perfette per chi vuole fare amicizia o, perché no, in un posto così romantico vorrebbe trovare l’amore. Basta soltanto iscriversi a Meeters per scoprire un mondo di eventi ed escursioni organizzate già presenti sul sito!